Teresa Bianchi 

 

Inizia come fotografa la sua attività espositiva nel 1978 presso la Galleria "II Fotogramma", diretta da Giovanni  Semerano dal titolo "Un paese di burattini" – La satira.

Nel 1980 realizza per il Comune di Roma una campagna pubblicitaria fotografica, “L’amico Netturbino” destinata ai ragazzi delle scuole elementari della capitale.

Per Il teatro realizza nell’81 porta in teatro un suo testo "Silenzio si prova - la storia del burattino", happening fotografico (scene teatrali solo per fotografia senza pubblico) con la Compagnia Nuova Opera dei Burattini" di Maria Signorelli.

Nel 1982 cura ed espone al Museo del Folklore una mostra grafica e fotografica in omaggio all'attrice Anna Magnani a 10 anni dalla sua scomparsa, presentata in catalogo da Federica Di Castro e Mario Verdone, patrocinata dall'Assessorato alla Cultura, l'Università di Roma, la Calcografia Nazionale, riproposta  al XXXV Festival del Cinema Sperimentale di Salerno  e negli studi di Cinecittà.

Partecipa nel marzo del 1984 alla realizzazione e cura della rassegna di tredici tra le maggiori fotografe italiane, curata da Federica Di Castro dal titolo "Della Bellezza".

Nel dicembre 1984 ha curato l'edizione italiana de "II Martedì Grasso di Kasper" - farsa in due scene per burattini - di August Strindberg realizzando foto-disegni. A seguire nel campo editoriale per le edizioni Millelire cura un altro testo inedito: una farsa in un atto di  Arthur Schnitzler "Dal Grande Arlecchino”.

Ulteriori importanti appuntamenti con la fotografia si sono così susseguiti in questi anni: 1987 - "Omaggio a Man Ray" - II Fotogramma – Roma 1987 - "Omaggio a Man Ray - The Special  Photographers  Company" - Londra 1989 - "Quattro fotografe a confronto" - II Fotogramma - Roma 1989 - "Donne D'Europa" - Palazzina Corsini - Roma.

Per la fotografia negli anni a seguire ha partecipato ad esposizioni collettive presso Il Fotogramma, La Camera Verde, Il Lavatoio Contumaciale, Ottagoni, presentando anche mostre e pubblicazioni.

Nel  2010 partecipa all’evento Ar[t]cevia, Internazional Art Festival, Palazzo dei Priori,  Acervia (An)

Ha collaborato con articoli sul teatro e sulla fotografia pubblicati su quotidiani e riviste letterarie. Racconti, testi teatrali sono pubblicati su: “Edizioni Millelire,“La Scrittura”, “Lettere”, “Sipario”, “Il Cantastorie”.

Tra i vincitori del concorso “500 PRIMAVERE” realizzato per illustrare la lattina dell’ OLIO SASSO.

Vincitrice di Premi  Ribalta di Fantasia da parte del Comune di Ferrara per testi di teatro di figura.

Finalista alla Prima Edizione del Premio Terna  2008 con fotografia in catalogo.

Nel 2014 è  tra i 24 artisti che realizzano l’opera collettiva permanente  “L’arte per l’articolo 9” della Costituzione nel  Parco regionale dell’Appia Antica.  Ideatore e curatore Roberto Ippolito.

Nel 2017 partecipa alla mostra  FoodGraphia  presentata a Milano, Palazzo del Senato e a Firenze al Museo Bellini nell'ambito della rassegna  dedicata alla  Food Art & Photography.

Per la rassegna dotART URBAN 2017 espone al 400 BAR di Budapest (Ungheria)  il portfolio "Un Venerdì di Passione".

Nel maggio 2018 partecipazione alla mostra "Il Mostro #10". La collettiva è realizzata da Tevere Art Gallery di Roma.

Nell'ambito del Festival della Fotografia 2018 di Arles espone presso la galleria MaMo Temporary Gallery.  
Partecipazione all'ABook Photo Contest realizzato dalle  Arthink Editions. 

Espone per  Co-Existence 4 presso la Galleria  Cinabro Arte Contemporanea di Roma.

Ideatrice di video teatrali delle sue sceneggiature con testi e fotografie.